la voce del corpo !

La Radiotelevisione Svizzera Italiana intervista Luca Vullo sull'arte della gestualità che l'autore insegna con LA VOCE DEL CORPO in giro per il mondo!



a Carnevale ogni scherzo vale !


Carnevale di Viareggio dal 9 febbraio al 5 marzo ….. Carnevale di Venezia dal 16 febbraio al 5 marzo ….. C'est l'époque du Carnaval !



L'italie - les programmes tv - radio et autres !




Ma, chi ha rubato la Gioconda ... !

Il rapitore di Monna Lisa (rivista Radici)

 

 Decoratore di Varese emigrato in Francia, rubò dal Louvre la Gioconda. Anni dopo la tirò fuori da sotto il letto, dicendo: “L’ho rubata per l’Italia”. Ma chi era davvero Vincenzo Peruggia ?

 .

Piuttosto basso, sanguigno, eccelso suonatore di mandolino. Vincenzo Peruggia, ventinovenne stuccatore e decoratore originario di Dumenza, in provincia di Varese, risponde a parecchi degli stereotipi sugli immigrati. La mattina di lunedì 21 agosto 1911 sta entrando al Louvre. Nulla di strano, se non fosse che il lunedì è il giorno di chiusura del museo. Infatti, non passa dall’ingresso principale, ma da quello utilizzato da dipendenti e operai: Peruggia lo conosce per averlo già varcato diverse volte, l’ultima delle quali in luglio, quando lavorava per il vetraio Gobier, incaricato di proteggere con lastre di vetro le opere d’arte più importanti.

Il direttore del Louvre, Théophile Homolle, è più preoccupato di cautelarsi dai ripetuti atti di vandalismo ai danni dei quadri che dai furti, che pure non mancano, e Peruggia può tranquillamente avviarsi verso il Salon Carré, entrare, staccare un quadro e andarsene senza destare sospetti. Quel quadro è nientemeno

che la Monna Lisa, o Gioconda che dir si voglia. Peruggia si dirige verso una scala secondaria, smonta il vetro protettivo e la cornice con la disinvoltura di chi ha eseguito tante volte l’operazione opposta, si toglie la giacca, la avvolge intorno alla tavola dipinta, mette il fagotto sotto il braccio ed esce in strada. Quindi lascia tutto nel proprio appartamento e si presenta al lavoro alle 9, adducendo come scusa per il proprio ritardo una presunta sbronza della domenica.....



France Culture - La grande table

 

Ici vu d’Ailleurs avec le ministre italien de la culture Dario Franceschini, écoutez l'entretien !




Fabrizio De André a 20 anni dalla morte

La revue franco-italienne RADICI à voulu rendre hommage à l'un de plus importants auteur-compositeurs italiens du XXème siècle, Fabrizio De André

Peu connu en France mais un véritable symbole en Italie et modèle pour beaucoup d'artistes.
Une production RADICI (www.radici-press.net)



L' Exposition Ciao Italia se déroulait à Paris du 28 mars au 10 septembre 2017

Un siècle d’immigration et de culture italiennes en France (1860-1960)

Avec Ciao Italia, le Musée national de l’histoire de l’immigration rend compte pour la première fois à l’échelle nationale, de l’histoire de l’immigration italienne en France, qui reste à ce jour la plus importante de l’histoire française.

Un dossier très riche sur ce sujet est toujours disponible sur le site Altritaliani.net, il est de plus en version bilingue